Caithleen, giovane protagonista di Ragazze di campagna

Standard

«E fu così che vidi sorgere il sole sulla baia di Dublino. Stavamo seduti lì da ore, a chiacchierare, fumare e ad abbracciarci. Avevamo ammirato le luci verdi del porto, ci eravamo osservati a lungo, in quella penombra, e avevamo pronunciato parole d’amore. Poi venne l’alba, le luci verdi si spensero all’improvviso e un gabbiano solitario si levò in volo. 
“Ti piacerebbe se ci fosse la luna anche di giorno?” gli domandai.
“No. Mi piacciono il mattino e la luce del sole”. La sua voce era spenta, assonnata, remota. Si era allontanato da me come sempre.
Fece marcia indietro verso le dune di sabbia semicoperte dall’erba e poi girò la macchina, veloce e preciso. Ripartimmo, passando sopra la sabbia liscia. Era l’ora dell’alta marea e sapevo che avrebbe cancellato i segni delle ruote e che non li avrei ritrovati mai più, nemmeno se fossi venuta a cercarli.»

Ragazze di campagna di Edna O’Brien

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...